Haridwar. La città sacra dell’ India.

Dove il Gange lascia l’Himalaya. Luogo in cui i pellegrini induisti vengono per immergersi nelle acque impetuose di madre Ganga.

Ogni sera al tramonto i fuochi sacri vengono accesi e fatti roteare al suono dei mantra per celebrare il ganga aarti, l’adorazione del fiume, nel luogo in cui il Dio Vishnu ha lasciato la sua orma, nel mentre, i pellegrini donano al fiume cestini di petali con in cima una candela.
Haridwar non è una metà molto frequentata dai turisti, ma chi vuole cercare l’anima mistica dell’ India è qui che deve venire: nei suoi stretti vicoli si ergono antichi templi, ad ogni angolo negozi vendono i doni che i pellegrini offrono al Gange.
All’alba nei ghat, le scalinate che scendono al fiume, i fedeli fanno le abluzioni del mattino per poi partecipare alla cerimonia di devozione alla divinità, la Puja, chi offrendo fiori, dolci, essenze ed incensi, chi suonando delle piccole campane.

haridware india

Chi visita Haridwar, che sia un pellegrino o un turista, non può andarsene senza aver visitato i templi che la sovrastano.
Acquistate un sacchettino di doni per la Dea da uno dei tanti venditore ambulanti, li troverete all’entrata della traballante funivia che vi porterà in cima alla collina dove si trova il tempio di Mansa Devi; seguite i pellegrini e partecipate ai  riti  offrendo i doni.
Soffermatevi ad ammirare il panorama e poi scendete la lunga scalinata che dalla collina vi riporta all’entrata della funivia; da qui prendete l’autobus che vi condurrà ai piedi di un’altra collina, dalla quale con una seconda funivia raggiungerete il Chandi Devi Temple.

Per capire Haridwar bisogna farsi coinvolgere dalla sua sacralità, sedersi su un ghat ad ascoltare la voce di madre Ganga.

haridware india Mansa Devi Temple

Consigli

Soggiornate presso Haveli hari ganga, ricavato da un antico palazzo costruito sulle rive del Gange al centro della città: è un hotel dall’atmosfera affascinante, rimasta inalterata dai primi del ‘900; nel cortile interno è sito un tempio in cui all’alba e al tramonto si tiene la Puja a cui volendo potete anche partecipare.
Dispone inoltre di un ottima SPA in cui provare i massaggi Ayurvedici; consiglio di provare il trattamento completo che consiste nel massaggio, sauna e bagno caldo.

Trovare un ristorante ad Haridwar non è facile, non essendo una meta turistica bisogna “adattarsi” molto; potreste mangiare della frutta fresca a pranzo, e alla sera cenare in hotel.
L’ultima volta abbiamo provato una specie di fast food indiano, vicino al luogo in cui si tiene il ganga aarti, che può essere una valida alternativa.

Partecipare al ganga aarti può essere un’esperienza indimenticabile,  e sicuramente sarete avvicinati da dei sedicenti sacerdoti che vi chiederanno una “esosa” offerta per officiare i riti per voi, ma se volete fare delle donazioni rivolgetevi solo agli addetti in divisa che vi rilasceranno regolare ricevuta, inoltre se non sapete come comportarvi seguite quello che fanno i pellegrini ed abbiate sempre il massimo rispetto.

Nei templi non sempre è possibile fotografare per cui controllate se c’è qualche cartello che lo vieta o chiedete a qualcuno.